• CONSULENZA ONLINE
  • VISURE E CERTIFICAZIONI
  • PARTNER
  • COLLABORAZIONI
CIRCOLAZIONE STRADALE E CODICE DELLA STRADA
 
Il conducente del veicolo può andare esente da responsabilità, in caso di investimento del pedone, non per il solo fatto che risulti accertato un comportamento colposo (imprudente o violativo di una specifica regola comportamentale) del pedone (una tale condotta risulterebbe concausa dell’evento lesivo, penalmente non rilevante per escludere la responsabilità del conducente: articolo 41, comma 1, del Cp), ma occorre che la condotta del pedone configuri, per i suoi caratteri, una vera e propria causa eccezionale, atipica, non prevista né prevedibile, che sia stata da sola sufficiente a produrre l’evento (articolo 41, comma 2, del Cp). Ciò che può ritenersi solo allorquando il conducente del veicolo investitore (nella cui condotta non sia ovviamente ravvisabile alcun profilo di colpa, vuoi generica vuoi specifica) si sia trovato, per motivi estranei a ogni suo obbligo di diligenza, nell’oggettiva impossibilità di avvistare il pedone e di osservarne, comunque, tempestivamente i movimenti, attuati in modo rapido, inatteso, imprevedibile. Solo in tal caso, in vero, l’incidente potrebbe ricondursi eziologicamente proprio esclusivamente alla condotta del conducente e operante in assoluta autonomia rispetto a quest’ultima. (Cass. Civ. Sezione IV, sentenza 28 maggio-4 giugno 2013 n. 24171).
AVVERTENZE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato. Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa, è possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento, anche in videoconferenza, con un avvocato dello Studio Legale Tassoni. Gli autori declinano ogni responsabilità per errori od omissioni, nonchè per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel sito.

Questo sito rappresenta uno strumento per fornire informazioni sull´attività professionale nel totale rispetto della dignità e del decoro della professione, nonchè dei relativi obblighi di segretezza e riservatezza, in osservanza alle norme dettate dalla Legge 31 dicembre 2012, n. 247 (Nuova disciplina dell´ordinamento della professione forense). Non riveste, pertanto, carattere pubblicitario. Esso è conforme al dettato degli artt. 17 e 17-bis del Codice Deontologico, così come modificato dal Consiglio Nazionale Forense.
STUDIO LEGALE AVV. ALESSANDRO TASSONI
Via Borelli 6 - 88100 Catanzaro(CZ) tel.0961-725554 - fax. 0961 748030